Settimana della critica a Verona

Posted on 11 ottobre 2010 di

1


11- 12 ottobre 2010

Una straordinaria occasione di vedere pellicole passate alla Mostra del cinema che, probabilmente, non rientreranno facilmente nei nostri cinema cittadini. Si tratta di pellicole d’essay che, per giunta, vengono messe a disposizione gratuitamente. Gli appuntamenti sono stasera al cinema Pindemonte e domani sera al cinema Rivoli. Di seguito una breve presentazione dei film in programma:

LUNEDI’ 11 OTTOBRE, CINEMA PINDEMONTE:

ore 20.20
Hitparzut X (Naomi) Israele-Francia, 2010, 35mm., col., 102’
Ilan Ben-Natan è un noto docente di astrofisica dell’Università di Haifa, ha una sessantina d’anni ed è sposato con Naomi, un’avvenente 28enne illustratrice di libri. Incline al sospetto, scopre di essere tradito e si trova ad affrontare l’amante della moglie, Oded Safra, un pittore filmaker più giovane di lui. Nel corso della discussione, lo scienziato uccide il rivale e porta via il corpo nel bagagliaio dell’auto. Con la complicità della madre ottantenne, Ilan sotterra l’uomo in una fossa appena scavata al cimitero. Per una serie di casualità, il cadavere viene scoperto ed è il commissario Anton Karam, vecchio amico del professore, a condurre le indagini. Quando tutte le tracce sembrano portare alla scoperta dell’assassino, un inatteso avvenimento rimetterà ogni elemento in discussione.

ore 22.20
Oča (Papà) Slovenia, 2010, 35 mm., col., 70’
Un padre e un figlio trascorrono un’intera giornata in un bosco. Pescano, dialogano, verificano lo stato del loro rapporto. L’adulto avverte nelle risposte del bambino un’autonomia di pensiero e una lucidità di analisi che lo sorprende e lo rattrista. Il bambino ha reagito alla separazione dei genitori legandosi molto alla madre, con cui vive. Ma covando dentro di sé il dolore legato all’assenza paterna. Le lacrime riusciranno forse a stemperare i ricordi inclementi e a suggellare questo importante momento d’incontro e il tentativo implicito di recuperare le distanze, le incomprensioni e il tempo perduto. E in parte a colmare il peso dei silenzi prolungati, che preoccupano il padre operaio non meno di tanti altri suoi colleghi ai quali la crisi economica e le precarie condizioni lavorative concorrono a rendere difficile, anche sul piano materiale, la costruzione di un futuro per i propri figli.

MARTEDI’ 12 OTTOBRE, CINEMA RIVOLI:

“Svinalängorna” (Beyond) della svedese Pernilla August (ore 20.20) e “Angèle et Tony” della francese Alix Delaporte (alle 22.20). Il primo vede un’attrice debuttare dietro la macchina da presa: Pernilla August, la splendida interprete di “Fanny e Alexander” di Bergman, porta sullo schermo il bestseller di Susanna Alakoski, tragica storia di una famiglia allo sbando in una cittadina di provincia negli anni ’70. Protagonista Noomi Rapace, la giovane ribelle Lisbeth Salander della trilogia Millennium da Stieg Larsson. “Angèle et Tony” è il debutto nel lungometraggio della regista Alix Delaporte, vincitrice nel 2006 di un Leone d’oro con il cortometraggio “Comment on freine dans una descente?”. Una storia d’amore e disperazione ambientata tra i pescatori della Bassa Normandia, tra due individui segnati dalla solitudine e costretti a mettersi in gioco al di là delle iniziali intenzioni. Una vicenda fatta di attese, conflitti, separazioni e lenti riavvicinamenti.

Annunci
Posted in: Cinema, Eventi, Verona